Il nordic Walking uno sport per tutti

Il Nordic Walking è nato in Finlandia nella prima metà del 900 come forma di allenamento estivo per gli atleti dello sci fondo.

Durante gli anni 80 da questo modo di allenarsi si sviluppò un vero e proprio sport che in breve tempo si è espanso in tutto il mondo ed è stato ribattezzato "la miglior invenzione finlandese dopo la sauna!".

Il Nordic Walking consiste in una normale camminata (ma si può anche correre saltare o fare esercizi) aiutati da dei bastoncini appositamente creati per questa disciplina. Applicando la tecnica corretta si riesce a coinvolgere il 90% della muscolatura del corpo, senza sollecitare troppo le articolazioni (specialmente caviglie, coscie e anca) e godendo di tutti i benefici che un allenamento così completo comporta.

Nei tre livelli di Nordic Walking - benessere, fitness e sport - Ognuno può scegliere l'intensità dell'esercizio per adattarlo alla propria condizione fisica, o variarla in base agli obiettivi che vuole raggiungere; quindi si spazia dalla camminata tranquilla e terapeutica a un buon allenamento aerobico, fino agli esercizi specifici per gli atleti.

Da tutto ciò si evince come la camminata nordica sia uno sport per tutti e per tutte le età, anche persone in convalescenza, con problemi fisici e con limitazioni di movimento, possono trovare nel Nordic Walking il modo di migliorare la loro condizione fisica e ottenere un recupero più veloce.

Ultimo fattore che ha comportato la rapida diffusione di questa disciplina è il fatto di essere economica, necessita solo di due bastoncini dal costo di circa 40/50 euro e il gioco è fatto. Dove si riesce a camminare, si può fare il Nordic Walking: sia sui pendii ripidi delle montagne sia in pianura o in spiaggia. E' questo il bello!

scuola nordic walking padova con istruttori professionisti

Le origini del Nordic Wolking

Come dice lo stesso nome, Camminata Nordica, si tratta di un particolare modo di camminare, di origine finlandese, che prevede l'ausilio di due specifici bastoni. In realtà, l'uso del bastone come aiuto all'uomo mentre si compie l'atto di camminare si perde nella notte dei tempi. Infatti già gli uomini antichi quando dovevano effettuare degli spostamenti molto lunghi erano soliti utilizzare un bastone che aveva la funzione di appoggio nei momenti di stanchezza o quando si subiva un affaticamento, o ancora lo si usava come strumento di difesa in zone che si ritenevano non particolarmente sicure. Prima di vedere nello specifico come si pratica, specifichiamo anche che al giorno d'oggi molto escursionisti utilizzano dei bastoni durante le loro passeggiate senza però usare una tecnica di base.

Evoluzione del Nordick Walking nel tempo

Ma qual è stata l'evoluzione di questa disciplina nel corso degli anni? E quando ha avuto origine? All'inizio degli anni Trenta del XX secolo, la maggior parte degli atleti finlandesi impegnati negli sport invernali iniziarono ad utilizzare i bastoni durante l'allenamento estivo, specie quando effettuavano percorsi in salita. Nel corso dei successivi decenni, l'uso dei bastoni si diffuse in maniera ampia e negli anni Cinquanta iniziò ad essere usato in gran parte d'Europa, Italia compresa. Sempre in Finlandia, nel corso degli anni Sessanta, si iniziano a vedere i primi utilizzi dei bastoni per praticare sci di fondo, pur se non in ambito agonistico. A partire dagli anni Settanta, uno dei funzionari del Ministero dell'Istruzione finlandese, la dottoressa Leena Jääskeläinen si fece promotrice dell'uso dei bastoni durante la camminata, e lei per prima partecipò nel 1987 a un evento pubblico, la Camminata Finlandese, lunga 36 chilometri, nella quale utilizzò i famosi bastoni. 

Il vero e proprio mentore di questa disciplina è stato però il dottor Tuomo Jantunen, direttore di un'associazione che aveva come scopo quello di promuovere lo sviluppo dell'attività fisica all'aria aperta in tutte le modalità possibili. Il 5 gennaio del 1988 quest'uomo organizzò la prima camminata pubblica con bastoni nel pieno centro della capitale finlandese, Helsinki. La nascita di questo sport è legata ad un evento abbastanza curioso. Questa marcia fu organizzata in occasione dell'inaugurazione della statua del fondatore dell'associazione e si sarebbe dovuta svolgere come una normale camminata di sci di fondo. Ma a causa del clima particolarmente mite in quel periodo, la neve si sciolse per cui l'organizzatore equipaggiò tutti i partecipanti con bastoni e la camminata ebbe luogo ugualmente. Diversi media ripresero l'evento che fu trasmesso nelle principali emittenti televisive del paese e da quel giorno molte persone iniziarono a praticare questa disciplina. Per molti finlandesi, quella data equivale alla nascita del Nordic Walking. 

La nascita ufficiale del Nordic Walking viene identificata con l'autunno dell'anno 1997. Nel corso di quest'anno infatti, vi fu una partnership con l'Istituto dello Sport finlandese e la ditta Exel che iniziò a produrre i primi bastoni adatti alla disciplina. Il dottor Tuomo Jantunen organizzò nell'autunno di quell'anno un appuntamento settimanale per tutti coloro che volevano approcciare alla nuova disciplina sportiva. Il primo incontro vide la partecipazione, contro ogni aspettativa, di circa 50 persone che raddoppiarono dopo una settimana. Il numero di persone interessate a questa attività fisica iniziò ad aumentare costantemente e oggi viene quasi considerato un vero e proprio sport nazionale che viene praticato in molti paesi dell'Europa.

Il Nordic Walking: dove viene praticato

Soffermiamo ora la nostra attenzione sui luoghi dove questo sport può essere praticato, con particolare riferimento alla nostra nazione. In Italia, il Nordic Walking è oggi considerato una vera e propria disciplina sportiva, riconosciuta anche dalla Fidal (Federazione Italiana Atletica Leggera) per la quale è anche previsto un albo di istruttori. Per praticare questo sport non è richiesto una particolare condizione climatica e può essere effettuato in qualsiasi zona, quindi sia al mare, in montagna o in città. Ne consegue che può essere svolto a qualsiasi altitudine, anche se il nome riconduce subito alla montagna.

Spiagge, parchi, boschi e aree verdi rappresentano lo scenario migliore per praticare una disciplina che comporta un notevole dispendio di energie e un forte impegno da parte di chi lo pratica. Ovviamente per praticarlo al meglio sarebbe ideale preferire percorsi pianeggianti e sterrati. 

In Italia sono presenti diversi percorsi dove è possibile cimentarsi in questa camminata con bastoni e ogni anno cresce il numero dei Nordic Walking Park, delle aree identificate dalla Scuola Italiana Nordic Walking che permettono ad atleti e dilettanti di effettuare delle piacevoli passeggiate in totale sicurezza. I percorsi sono adatti a tutti gli sportivi, di qualunque età, in quanto prevedono degli itinerari differenziati in base al grado di preparazione e alle caratteristiche dei diversi atleti.

Una delle regioni italiane più interessanti per la pratica del Nordic Walking è il Trentino che offre la possibilità di diversi itinerari, più o meno avventurosi e faticosi, all'interno dei quali si potrà anche ammirare la bellezza del paesaggio in quanto si attraverseranno sentieri in boschi con ruscelli e piccole cascate, panorami unici e paesaggi impareggiabili.

Ma non devi credere che il Nordic Walking si possa praticare solo in montagna. Un altro scenario adatto per passeggiare aiutati dai bastoni è rappresentato dal Parco Colli Euganei, che con i suoi continui saliscendi permette anche di effettuare un vero e proprio allenamento completo. Avrai in ogni caso la possibilità di effettuare il Nordic Walking anche in regioni dove il mare regna incontrastato.

Sono questi, infatti, i luoghi dove potrai effettuare una passeggiata su sentieri che costeggiano il lungomare e sentire i profumi tipici del mare e ammirare gli scenari che la macchia mediterranea ti metterà a disposizione. 

scuola nordic walking padova

Benefici del Nordic Walking

Come abbiamo accennato più volte, il Nordic Walking è oggi riconosciuto come una vera e propria disciplina sportiva e, in quanto tale, è indubbio che apporti dei benefici a chi lo pratica. Ma sono davvero tanti i suoi benefici?

Se pensi che l'unica parte del corpo ad allenarsi siano le gambe, perché stiamo camminando, allora sei completamente fuori strada. Se infatti esegui correttamente tutti i movimenti del Nordic Walking quasi l'80% dei muscoli del corpo otterranno dei benefici. Oltre a cosce e glutei, infatti, il movimento eseguito con i bastoni assicurerà un allenamento adeguato anche a braccia, spalle, trapezio e pettorali. L'uso dei bastoni, che se correttamente utilizzati permettono di ottenere una spinta ulteriore durante la camminata, assicura un maggior dispendio di energie e quindi pur non effettuando una camminata veloce potrai tranquillamente bruciare i grassi. 

Altri benefici derivanti da questa disciplina sportiva sono un potenziamento dell'apparato cardiocircolatorio aumentando l’ossigenazione, l’esecuzione fluida dei movimenti non sollecita in maniera eccessiva le articolazioni, dimagrimento e rassodamento dei muscoli, miglioramento complessivo della forma fisica in particolare resistenza e forza, miglioramento della postura.

Come qualsiasi altra attività fisica svolta all’aria aperta, otterrai anche un benessere mentale e un effetto rilassante al termine di ogni camminata. Quindi cosa aspetti? Prendi i bastoni e inizia la tua attività di Nordic Walking.